Slideshow image

Progetto Grace

Il Dipartimento di Matematica dell’Università degli Studi di Padova nei mesi di ottobre e novembre 2016 ha proposto un’attività di laboratorio matematico denominata "Cammini esplorativi attraverso la Teoria dei Grafi", rivolta a 60 studenti del quarto o quinto anno degli istituti secondari di II grado del Veneto.
Il gruppo di lavoro che si è occupato del progetto era formato dai docenti prof. Andrea Centomo (Liceo "F. Corradini" di Thiene), prof. Riccardo Colpi (Dipartimento di Matematica dell’Università di Padova) e dott.ssa Silvia Crafa (Dipartimento di Matematica dell'Università di Padova).

Obiettivo primario del progetto era coinvolgere studenti e docenti, offrendo loro l’opportunità di conoscere un tema di ricerca ancora attuale che, pur non richiedendo particolari prerequisiti di base, permette di illustrare un procedimento caratteristico della matematica – dalla pura teoria all’applicazione) – per ribadire come tale disciplina sia parte profonda del nostro sapere e del nostro agire.

Due nostri ragazzi hanno partecipato all'evento: ecco come ci raccontano la loro esperienza.

Tra il mese di ottobre e novembre 2016 abbiamo avuto l’occasione di partecipare, per il progetto GraCE, ad una serie di cinque lezioni universitarie presso il Dipartimento di Matematica di Padova.
Il corso era rivolto a tutti i ragazzi di quarta e quinta superiore degli istituti del Veneto e a tutti i loro docenti.
Le lezioni riguardavano i grafi, strumenti matematici alquanto interessanti e ricchi di applicazioni nella realtà.

Nelle prime lezioni l’argomento è stato affrontato da un punto di vista teorico, con formule, calcoli e numerose dimostrazioni. Le ultime lezioni invece sono state improntate sull’applicazione concreta di tutto quello che si era imparato nelle lezioni precedenti, ed è stato interessante notare in che modo degli strumenti matematici, a prima vista meramente teorici, possano rivelarsi utili nella risoluzione di problemi pratici, in campi come le reti sociali o l’informatica.

Al termine delle cinque lezioni abbiamo svolto una verifica con la quale abbiamo potuto valutare quanto avessimo appreso durante il corso. Attraverso questa serie di lezioni abbiamo potuto sperimentare cosa significhi assistere a una vera e propria lezione universitaria (che è ben diversa da quelle in una scuola superiore).
Nel complesso è stata un’ottima esperienza, in quanto abbiamo avuto modo di approfondire un argomento, seppur non semplice, nuovo e diverso da quelli affrontati normalmente a scuola, e in più questo è stato uno spunto per decidere quale facoltà universitaria frequentare una volta terminati gli studi di scuola superiore.

Silvy Ragazzo, IV E RIM
Maikol Geromin, V E RIM